Web Marketing - 25/01/2017 - Silvia Svanera

Scrittura seo oriented: quali sono i risultati dopo 1 anno di lavoro?

Nel 2016 sono stati due i progetti principali a cui ho lavorato in maniera continuativa da un punto di vista di scrittura seo oriented. Per “continuativo” intendo dire che questi progetti erano già stati programmati e sviluppati nel 2015: il 2016 doveva essere il momento del consolidamento. Analizziamo questi due progetti dal punto di vista della scrittura seo, ovvero scrivere per posizionarsi, per essere trovati dagli utenti.

Dopo un anno di scrittura seo oriented, quali sono stati i risultati?

I progetti a cui mi riferisco sono Zanolli Magazine e Roba di Casa. Il primo è un progetto legato all’ecommerce omonimo, il secondo è un progetto interno dell’agenzia. Mi piacerebbe dire che entrambi sono stati un successo, ma purtroppo non è così: il Magazine è stato un successo, Roba di Casa meno. Vediamo nel dettaglio perché.

Partiamo prima di tutto dal dietro le quinte. Alla base di ogni buon progetto ci sono organizzazione, progettazione e coordinamento tra le persone coinvolte. Se uno solo dei 3 tentenna il progetto è più portato al fallimento, o comunque a non centrare tutti gli obiettivi fissati all’inizio.

Per quanto riguarda il Magazine di Zanolli c’era già prima un buon coordinamento tra le varie parti: programmazione, design e content. Una volta creato il Magazine e trasferiti i post dal vecchio blog aziendale al nuovo magazine siamo partiti con i contenuti. Cosa avremmo dovuto inserire sul Magazine? Avremmo parlato di bomboniere certo, e poi? Per questa prima fase di progettazione dei contenuti sono stati necessari diversi incontri con lo staff di Zanolli: abbiamo parlato delle persone che entravano in negozio, degli eventi più importanti per l’azienda, delle tendenze stagionali.

Non avendo dati significativi da cui partire è stato necessario uno scambio continuo, per capire che taglio dare ai contenuti, quali prodotti inserire, quali valorizzare. Così sono nate le prime idee per gli articoli, a cui in seguito è stato aggiunto un minuzioso lavoro di ricerca keyword. Dopo un anno di lavoro continuo e serrato di scrittura, i risultati si sono visti. Solo il magazine in un anno, partendo da quasi zero, ha raggiunto numeri decisamente alti. Rispetto all’anno prima il Magazine da solo ha fatto +11.382% di sessioni, tutte organiche.

Numeri a parte, i risultati più soddisfacenti sono stati certi articoli del magazine che si sono posizionati in prima pagina per le parole chiave per cui erano state ottimizzate. Vicino a competitor molto più “grandi”. Oltre a questo, un altro beneficio è stato il rafforzamento delle categorie dell’ecommerce stesso, grazie ai rimandi dagli articoli: in questo modo il linking interno è migliorato di molto. Per il 2017 abbiamo un buon numero di dati da cui partire: in base al volume delle ricerche e al posizionamento degli articoli nel 2016  sappiamo quali argomenti andare ad approfondire, quali accantonare (per il momento) e quali invece hanno bisogno di maggiore supporto, anche fotografico.

Al contrario il progetto Roba di Casa non lo considero personalmente un successo “pieno”, come quello del Magazine. Alla base è mancato lo sprint che contraddistingue tutti i nostri progetti all’inizio, dove tutte le parti sono coinvolte e c’è quindi un fermento di idee. Roba di Casa ha sofferto l’essere un progetto interno, finendo sempre in coda ad altri lavori. In questo modo non è mai riuscito a decollare veramente, anche se alcuni passi rispetto agli anni scorsi li ha fatti. Su Roba di Casa non si è scritto in maniera continuativa, ma discontinua. Succedeva prima, in maniera sistemica, ed è successo anche quando sono subentrata nel progetto: in 1 anno sono stati scritti 35 articoli, con una media di 2,9 articoli al mese. Nonostante tutto, qualche risultato si è visto, il traffico organico è aumentato di 596,22% .

Numeri modesti date le potenzialità di un sito simile. Facendo un’analisi veloce con seozoom, uno dei tool che utilizzo quotidianamente, ci sono articoli che correttamente ottimizzati possono posizionarsi bene o aiutare articoli interni utilizzando determinate anchor text. Per il 2017 l’obiettivo è scrivere con più costanza rispetto al 2016.

Scrivere contenuti di qualità e ottenere risultati? Sì, è possibile

Come abbiamo visto quando si scrive con costanza i risultati si ottengono. Con Zanolli Magazine sono stati evidenti, con Roba di Casa meno, ma dei passi avanti rispetto a prima sono stati fatti. Alla base di tutto ci sono qualità e costanza. Scrivere in modo continuativo contenuti di qualità è la via da intraprendere quando si sta partendo da zero, nel tempo i risultati si vedono.

 

Scrittura Seo Oriented Risultati
Scrittura seo oriented: per ottenere risultati bisogna prima di tutto programmare gli articoli, dopo aver effettuato ricerche anche sulla “stagionalità” delle keyword

Lascia un commento