Web Marketing - 09/02/2017 - gigi

Voice Search: cos’è e cosa ci riserva il 2017?

Siri, Ok Google, Google Home, Amazon Alexa stanno cambiando il modo di interagire con i device e quindi anche di fare ricerca?

Pare che il 20% delle query dalla Google mobile app e sui device Android siano vocali e la cosa non sorprende.

Superata una iniziale fase di vergogna (parlare da solo col telefono suona un po’ strano no?!?), in molti hanno iniziato ad interagire vocalmente con i propri smartphone.
Non vi fidate…?!?
Aprite Google Trend e digitate “ok google” per avere un’idea della crescita che c’è stata negli ultimi 2/3 anni.image
Se ci pensiamo la ricerca vocale è una logica conseguenza delle nostre necessità di multitasking, soprattutto quando siamo in contesti particolari.
Vi faccio alcuni esempi significativi in cui la voce ci viene in aiuto:

  • Sto guidando e voglio cercare un indirizzo senza distrarmi dalla guida
  • Devo fare un calcolo veloce al volo
  • Davanti alla tv voglio soddisfare una curiosità veloce: “quanti anni ha Gigi Buffon?”

C’è da sottolineare il fatto che la tecnologia di riconoscimento vocale è migliorata molto.
Parallelamente anche la comprensione di pronuncia e contesto utente da parte dei motori di ricerca è progredita incentivando quindi l’utilizzo anche da parte dei più scettici.

Cambia qualcosa per la Seo e per chi sta ottimizzando il nostro sito?

I cambiamenti non sono enormi ma bisogna tenere conto di alcune tendenze nel processo di ottimizzazione per i motori:

  • Le query stanno diventando sempre più conversazionali —  analizzare i search report per individuare domande/frasi long tail.
  • Text search (1-3 parole) VS Voice Search (5-6 parole, spesso in forma di domanda).
  • Ottimizzare per termini come: Chi, Come, Quando, Dove, Perché — rispolveriamo le FAQ?
  • I dati strutturati aiutano sempre di più il motore di ricerca a capire il contenuto e il contesto.
  • Per le attività locali l’accuratezza e la completezza dei dati diventa sempre più importante. (Local Search)
  • Semplificare ed umanizzare il linguaggio per rendere il tuo contenuto il più vicino possibile al modo di ricercare degli utenti.
  • Ottimizzare per le cosiddette instant answer sarà comunque un vantaggio: risposte veloci alle domande ed uso delle liste strutturate per dare chiarezza nella risposta.
  • Ricercare e analizzare gli errori di pronuncia e gli errori di scrittura.
  • Pensare agli intenti e alle azioni in risposta a ricerche vocali: “Siri, Sono affamato!”
  • Pensare in maniera visuale: “Ho bisogno di un paio di ballerine nere”

È piuttosto evidente che nei prossimi anni l’uso della voce per interagire con i diversi device sarà sempre più frequente.
Chi si occupa di web marketing (e di scrittura seo) non può ignorare queste tendenze e deve usare anche la creatività per trarne dei benefici.

Risorse e link di approfondimento:

Qualche statistica da Search Engine Land: http://selnd.com/1YDJVgj
Il punto di vista di Builtvisible (sempre interessante): http://bit.ly/2cfLxNm
Are you ready for voice search (slide dal Brightonseo): http://bit.ly/2ltIHHF
Voice Search Strategy da Hubspot: http://bit.ly/2kuzjoz
Google Voice gets a new look for its first major update in years [aggiunto in febbraio 2017]
What we can learn from the latest trends in voice search [aggiunto in febbraio 2017]
The definitive guide to voice search optimization [aggiunto in marzo 2017]
How Google is using featured snippets to drive voice search [aggiunto il 20 marzo 2017]

Lascia un commento